L’Aceto Balsamico di Modena, nobile condimento di ancestrali origini

L’Aceto Balsamico è un nobile condimento di origini antiche, strettamente legato al territorio delle attuali province di Reggio Emilia e Modena, un tempo riunite sotto il Ducato Estense.

Prodotto in quantità limitata e con metodi artigianali, la sua esistenza è dovuta alle particolari caratteristiche pedoclimatiche del territorio di origine, alle quali si sono aggiunte i saperi, le conoscenze e le competenze del fattore umano. Sbalzi termici altissimi fra le caldi estati e i rigidi inverni permetteno ai mosti di fermentare e maturare ottimamente secondo i metodi tradizionali di produzione.

L’aceto Balsamico di Modena si divide in:

Aceto Balsamico di Modena IGP
Si ottiene, come prevede il disciplinare di produzione, aggiungendo all’aceto forte di vino il mosto cotto di sette vitigni (Lambrusco, Sangiovese, Trebbiano, Albana,  Ancellotta, Fortana, Montuni) accuratamente selezionati. Una volta calibrate ed amalgamate queste due componenti, in proporzioni che variano secondo la tipologia desiderata, si passa alla maturazione in pregiati barili di rovere e castagno per un periodo anche superiore a tre anni per gli Aceti Invecchiati.
Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP
Questo prezioso Balsamico, unico al mondo, è il risultato della lenta trasformazione del mosto cotto d’uva preziosamente custodito dalle acetaie e tramandato di generazione in generazione; fermentazioni alcoliche prima e acetiche poi sono sapientemente controllate nei sottotetti dell’acetaia dove antichi bariletti di legni pregiati (rovere, castagno, gelso, ciliegio, ginepro, frassino) trasformano ed invecchiano negli anni l’antico condimento. Soltanto dopo almeno venticinque anni di travasi e rincalzi da un barile all’altro, per conferire aromi e profumi inimitabili, sarà possibile ottenere l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP Extravecchio che verrà imbottigliato nell’esclusiva bottiglietta del Consorzio di Tutela.
Condividi su Facebook   Tweet   g+ Condividi

1 trackback

  1. […] L’Aceto Balsamico di Modena è comunemente considerato un condimento agrodolce da usare su insalate e verdure, ma in realtà può essere adoperato dall’antipasto al dessert, con utilizzi diversi in base al grado di densità, direttamente proporzionale all’invecchiamento. […]